Categorie
Email Marketing

Newsletter per aumentare le vendite ecommerce

Se ne sente sempre parlare e molti di noi probabilmente ne sono fruitori ma il significato di Newsletter sembra essere vago e soprattutto viene sottovalutata. In realtà non è così, basta fare un po’ di chiarezza.

Una newsletter, riducendo il tutto ai minimi termini, è uno strumento che permette di inviare e-mail personalizzate ad una lista di contatti. E quindi? Perché ne stiamo parlando se è una cosa così banale?

Newsletter: che cos’è?

Innanzitutto, bisogna specificare che ci troviamo nell’ambito dell’email marketing, una tipologia di marketing diretto che serve a comunicare direttamente con i clienti per proporgli promozioni, attività e comunicazioni in generale…

Nello specifico, la newsletter è un importante fonte di traffico e se implementata a dovere ha la possibilità di aumentare le vendite della tua attività. Si distingue dal Direct Email Marketing in ambito di finalità: il DEM è esclusivamente finalizzato a fare proposte commerciali mentre la newsletter può avere anche semplici finalità informative e di relazione tra brand e cliente.

Uno dei principali vantaggi della newsletter è che viene ricevuta unicamente tramite sottoscrizione. In altre parole, riceve la newsletter solo e unicamente colui che si è iscritto alla newsletter stessa. Questo significa che ha un reale interesse nel nostro brand e che dobbiamo puntare molto su di lui per farlo arrivare alla conversione. Sarà infatti più propenso ad acquistare un nostro prodotto una persona che ha scelto liberamente di iscriversi alla newsletter piuttosto che una persona qualunque.

Newsletter: come può aumentare le vendite dell’ecommerce?

Implementare la newsletter nella propria content strategy porta a numerosi vantaggi che permettono di avvicinare brand e cliente così da incentivarlo a comprare e di conseguenza da aumentare le vendite della tua attività.

Dal punto di vista di chi manda la newsletter i vantaggi possono essere la creazione di un rapporto di fiducia con il potenziale cliente, l’aumento del traffico verso il proprio sito web (che come sappiamo porta a maggiori introiti ricavati dalle pubblicità) oppure la differenziazione dei clienti, che permette una maggior concentrazione sui contatti più qualificati.

Dal punto di vista, invece, di chi riceve la newsletter possono esserci altrettanti vantaggi come, per esempio, essere sempre aggiornato sulle novità e sulle promozioni del brand e sentire una vicinanza con il brand che altrimenti sarebbe difficile da sviluppare.

Esempi su come utilizzare le newsletter per aumentare le vendite dell’ecommerce

  1. Segmentazione dell’audience: Personalizza le tue comunicazioni basandoti sui dati degli utenti, come il comportamento di acquisto passato, le preferenze mostrate e la demografia. Questo permette di inviare offerte mirate che sono più propense a risuonare con specifici segmenti di clientela. Ad esempio, potresti inviare una promozione su prodotti simili a quelli già acquistati, o offerte speciali in base alla stagionalità o alla località dell’utente.

  2. Esclusività delle offerte: Usa le newsletter per offrire promozioni esclusive agli iscritti, come sconti speciali, accesso anticipato a vendite o nuovi lanci di prodotto. Questo non solo valorizza l’iscrizione alla newsletter rendendola più desiderabile, ma crea anche un senso di urgenza e esclusività che può incentivare acquisti immediati.

  3. Contenuti ricchi e informativi: Combina le offerte con contenuti di valore che aiutano il cliente a prendere decisioni di acquisto. Ad esempio, guide agli acquisti, consigli di utilizzo dei prodotti, video dimostrativi, o testimonianze di altri clienti possono arricchire l’esperienza del cliente e posizionare la tua newsletter come una fonte di informazioni affidabile e utile, non solo una vetrina di vendita.

  4. Upselling e Cross-selling: Include nella tua newsletter suggerimenti di prodotti complementari o di gamma superiore in relazione agli acquisti precedenti dei clienti. Questo non solo aumenta il valore medio dell’ordine, ma migliora anche l’esperienza del cliente offrendo opzioni che potrebbero interessargli. Ad esempio, se un cliente ha acquistato una macchina fotografica, potresti suggerire lenti aggiuntive, borse per la macchina o corsi di fotografia.

  5. Riattivazione dei clienti inattivi: Identifica i clienti che non hanno effettuato acquisti da tempo e rivolgiti a loro con newsletter specifiche che includano un incentivo per ritornare, come un codice di sconto speciale o l’highlight di prodotti significativamente migliorati o rinnovati. Questo può rinvigorire l’interesse di chi aveva cessato di acquistare, riportandoli al tuo e-commerce.

Se non hai ancora un’agenzia per la tua marketing automation o per l’invio di newsletter all’interno della tua strategia di marketing, non esitare a contattare noi di Very Content: scrivici o chiamaci per avere un preventivo su misura per le tue richieste e le tue esigenze!

Get in touch

Se hai bisogno di ulteriori informazioni, contattaci direttamente tramite il form a lato o vieni a trovarci!