Categorie
digital marketing

Brand Guidelines: cosa sono e come definire la Brand Identity

Immagina di sfogliare una rivista o di imbatterti in un annuncio che ti fa venire voglia di acquistare quel prodotto o di essere parte di quel marchio. Nella maggior parte dei casi ciò che ti ha colpito immediatamente è la coerenza e l’unicità della loro immagine di marca, che trasmette un messaggio forte e distintivo. Questo è il potere della Brand Identity. Ma cos’è esattamente la Brand Identity? Come si crea un’immagine di marca coerente ed efficace? Per rispondere, dobbiamo necessariamente approfondire il tema delle famose Brand Guidelines.

Stiamo parlando di un manuale dettagliato che ti guida passo dopo passo nell’elaborazione della tua immagine di marca, che ti mostra quali colori usare, come scrivere i tuoi messaggi, quale tipo di foto selezionare per una presentazione ufficiale e così via. Questo manuale è un prezioso alleato nel garantire coerenza e omogeneità in ogni aspetto della comunicazione del tuo Brand.

Sei pronto a immergerti nell’affascinante mondo delle Brand Guidelines? Scopri come far brillare la tua Brand Identity!

In questo articolo toccheremo i seguenti argomenti:

Che cos’è la Brand Identity?

La Brand Identity è l’insieme di elementi che rappresentano l’immagine e la personalità di un’azienda. È l’identità visiva e verbale che viene associata a un marchio, un prodotto o un servizio. I suoi componenti principali includono:

  • Logo, simbolo iconico che rappresenta il Brand e ne diventa l’emblema visivo. È il primo elemento che spesso viene associato a un’azienda e che viene riconosciuto immediatamente dai consumatori;
  • Colori, parte fondamentale della Brand Identity, in quanto possono evocare emozioni, creare un’atmosfera e contribuire a distinguere un marchio dalla concorrenza;
  • Font, aspetto significativo in quanto possono comunicare diversi stili e personalità;
  • Tone of voice, la somma degli elementi stilistici, linguistici, lessicali e semantici che forma il modo con cui un brand comunica e si esprime.

In un mercato competitivo, dove le aziende si contendono l’attenzione dei consumatori, la Brand Identity svolge un ruolo cruciale nel differenziare un’azienda o un prodotto dai concorrenti. Una Brand Identity forte e ben definita consente di creare un’impressione duratura nella mente dei consumatori, distinguendosi dalle altre marche presenti sul mercato.

La Brand Identity permette di comunicare i valori, la personalità e la storia del marchio in modo unico e coinvolgente. Attraverso l’uso di elementi visivi distintivi come il logo e i colori, un marchio può creare un’identità riconoscibile e memorabile. Ad esempio, il logo “bitten apple” di Apple e il suo design minimalista hanno contribuito a creare una Brand Identity iconica che rappresenta innovazione, eleganza e status.

Inoltre, una Brand Identity forte aiuta a creare un legame emotivo con i consumatori. Quando un marchio riesce a comunicare in modo autentico i valori e gli obiettivi che risuonano con il pubblico di riferimento, si crea un senso di affinità e fiducia. Ad esempio, il marchio Ben & Jerry’s è noto per la sua identità socievole, divertente e socialmente impegnata, che ha guadagnato una base di fan fedeli che si identificano con tali valori.

Infine, una Brand Identity ben definita e distintiva consente di posizionarsi strategicamente nel mercato. Attraverso una comunicazione coerente e un’immagine unica, un marchio può differenziarsi dai concorrenti, attirare l’attenzione del pubblico di riferimento e creare un vantaggio competitivo.

Brand Book o Brand Guidelines?

Quando si tratta di gestire la Brand Identity, è comune incontrare due concetti correlati: il Brand Book e le Brand Guidelines. Nonostante entrambi siano strumenti utili per definire e comunicare l’immagine di marca, esistono alcune differenze sostanziali tra i due.

Che cos’è un Brand Book? Si tratta di un documento dettagliato che approfondisce e spiega in modo esaustivo tutti gli aspetti della Brand Identity, compresi i valori, la mission, la visione, il posizionamento e persino la storia del marchio. Solitamente, un Brand Book include anche informazioni sul pubblico target, la strategia di marketing e la pianificazione a lungo termine. È un documento completo e approfondito, spesso utilizzato per scopi interni o come riferimento per agenzie esterne o collaboratori.

D’altra parte, le Brand Guidelines sono un insieme di direttive pratiche che si concentrano sugli aspetti visivi e comunicativi della Brand Identity. Le Brand Guidelines forniscono istruzioni chiare e specifiche su come utilizzare correttamente il logo, i colori, i tipi di carattere, le immagini e i messaggi da comunicare in vari contesti e canali. Sono strumenti più agili e operativi, progettati per essere utilizzati quotidianamente da chiunque sia coinvolto nella creazione e nella comunicazione del marchio.

Sebbene entrambi i documenti siano utili, in genere è consigliabile optare per le Brand Guidelines come strumento principale per gestire la Brand Identity. Le Brand Guidelines, infatti, offrono una maggiore flessibilità e praticità, consentendo a chiunque lavori in azienda di avere accesso rapido alle informazioni essenziali.

Brand Guidelines: perchè sono così importanti?

La ragione per cui le Brand Guidelines sono così importanti è che garantiscono una rappresentazione coerente e accurata del marchio in tutte le sue interazioni con il pubblico. Ciò significa che indipendentemente dal canale, dal supporto o dal contesto in cui il marchio viene presentato, l’immagine e il messaggio trasmessi saranno uniformi e riconoscibili. Questa coerenza contribuisce a creare fiducia, rafforza la memoria del marchio facilitando l’identificazione da parte dei consumatori.

I vantaggi di avere Brand Guidelines ben definite sono molteplici. Prima di tutto, consentono di mantenere una Brand Identity forte e distintiva nel tempo, anche se ci sono cambiamenti organizzativi o nuove iniziative di comunicazione. Inoltre, le Brand Guidelines aiutano a evitare errori di utilizzo del marchio da parte di collaboratori interni o esterni, poiché forniscono linee guida chiare e specifiche su come utilizzare correttamente gli elementi visivi e comunicativi del marchio. Infine, facilitano la collaborazione all’interno del team di lavoro, offrendo un riferimento comune e condiviso per tutti coloro che sono coinvolti nella creazione e nella promozione del marchio. Ciò garantisce che tutti abbiano una comprensione chiara delle regole e dei principi che guidano l’immagine del Brand, consentendo un lavoro più efficace e coordinato.

Quali sono i passaggi chiave per definire le Brand Guidelines?

La definizione dei Brand Guidelines richiede l’implementazione di alcuni passaggi chiave per garantire un risultato efficace e coerente. Vediamo quali sono:

  1. Ricerca di mercato e analisi del pubblico target: È fondamentale comprendere a fondo il mercato di riferimento e il pubblico a cui ci si rivolge. Una ricerca di mercato approfondita e un’analisi dettagliata del target aiutano a identificare le preferenze, le aspettative e i valori del pubblico, fornendo così una base solida per la definizione della Brand Identity.
  2. Definizione dei valori del marchio: I valori rappresentano l’anima del marchio e la sua posizione nel mercato. Identificare i valori fondamentali che guidano il marchio aiuta a creare una base solida per la Brand Identity. Questi valori possono essere espressi attraverso l’uso di colori, immagini, messaggi e tono di voce coerenti con la personalità del marchio.
  3. Creazione di un logo e scelta dei colori e dei tipi di carattere: Il logo è l’emblema visivo del marchio e rappresenta la sua identità in modo immediato. La creazione di un logo unico e riconoscibile è un passaggio cruciale nella definizione della Brand Identity. Inoltre, la scelta dei colori e dei tipi di carattere che riflettono l’essenza del marchio contribuisce a creare coerenza e coesione visiva.
  4. Stesura di linee guida per la comunicazione verbale e visiva: Le linee guida per la comunicazione verbale definiscono il tono di voce e lo stile linguistico del marchio. Questo include la scelta delle parole, lo stile della scrittura e la terminologia utilizzata nelle comunicazioni. Allo stesso modo, le linee guida per la comunicazione visiva stabiliscono come utilizzare il logo, i colori, i tipi di carattere e gli elementi grafici in modo coerente in tutti i materiali di branding.
  5. Definizione dello stile fotografico e dei grafici: La scelta dello stile fotografico e dei grafici contribuisce a consolidare l’immagine del marchio. Questi elementi visivi devono essere coerenti con i valori e la personalità del marchio, creando un’esperienza visiva unica e riconoscibile.

Come mantenere l’integrità della Brand Identity nel tempo?

La gestione efficace della Brand Identity richiede un impegno costante per mantenere l’integrità del marchio nel corso del tempo. Ciò implica l’aggiornamento e l’evoluzione dei Brand Guidelines per adattarsi ai cambiamenti del mercato e alle nuove tendenze. Vediamo quali sono le pratiche chiave per garantire la coerenza e la rilevanza della Brand Identity nel tempo.

L’importanza dell’aggiornamento e dell’evoluzione dei Brand Guidelines: Il contesto di mercato, le preferenze dei consumatori e le dinamiche settoriali possono evolvere nel tempo. Di conseguenza, è essenziale rivedere regolarmente i Brand Guidelines per assicurarsi che siano allineati alle nuove esigenze e opportunità. Ciò potrebbe includere modifiche o integrazioni nell’uso del logo, aggiornamenti dei colori o adeguamenti nel tono di voce e nelle linee guida per la comunicazione.

Monitoraggio e valutazione dell’efficacia dei Brand Guidelines: È importante valutare l’efficacia dei Brand Guidelines nel mantenere l’identità del marchio e raggiungere gli obiettivi di comunicazione. Monitorare le performance del marchio, raccogliere feedback dai consumatori e condurre ricerche di mercato possono fornire preziose informazioni sull’efficacia delle direttive di branding. Questi dati possono aiutare a identificare eventuali aree di miglioramento e a guidare l’aggiornamento dei Brand Guidelines.

Come affrontare eventuali sfide o cambiamenti nella Brand Identity

Durante il percorso di gestione della Brand Identity, possono sorgere sfide o cambiamenti che richiedono un’attenzione particolare. Ad esempio, potrebbe essere necessario affrontare un rilancio del marchio, una fusione aziendale o una ristrutturazione. In queste situazioni, è fondamentale adattare i Brand Guidelines per riflettere i nuovi obiettivi, la strategia e l’identità del marchio. Ciò richiede una comunicazione chiara e una guida pratica per garantire che tutti coloro che lavorano sul marchio siano allineati con i cambiamenti e agiscano in modo coerente.

Mantenere l’integrità della Brand Identity nel tempo richiede un approccio proattivo e flessibile. L’aggiornamento dei Brand Guidelines, il monitoraggio dell’efficacia e la gestione dei cambiamenti sono elementi cruciali per assicurare che la Brand Identity rimanga rilevante, distintiva e in sintonia con il pubblico di riferimento. Mantenendo un occhio attento sul mercato e sulla dinamica del marchio, è possibile garantire che l’immagine del marchio rimanga forte e coerente nel corso del tempo.

In conclusione, se la tua azienda pecca in termini di Brand Identity e necessita di creare delle Brand Guidelines, contattaci! Non vediamo l’ora di iniziare a collaborare per fare emergere il tuo Brand all’interno del mercato.

Categorie
Content Marketing

Come eliminare i risultati di ricerca da Google per la tua reputazione online

Ti è mai capitato di ricercare il tuo nome su Google e scoprire dei risultati che ledono la tua immagine?

Quando conosciamo una persona per la prima volta c’è il 92% di possibilità che questa provi a digitare il nostro nome su Google per cercare più informazioni su di noi. 

Le informazioni riportate dai motori di ricerca su di noi dipendono dalla nostra reputazione online, ovvero dalla percezione circa la nostra immagine personale e professionale.

In altre parole, essa definisce la nostra identità digitale che altro non è che il risultato di come gli altri ci vedono in base alle informazioni che trovano online e di come interpretano i nostri atteggiamenti. È facile capire, di conseguenza, quanto diventi indispensabile perseguire una corretta visibilità della propria immagine personale su internet attraverso il controllo dei motori di ricerca. 

Il problema più grande relativo alla reputazione online consiste nella difficoltà di manipolazione dei contenuti: un individuo non può controllare le informazioni e i dati personali diffusi su internet, dal momento che per farlo sarebbe necessaria la proprietà dei siti web e degli strumenti che memorizzano le informazioni in questione. 

Non esistendo un software specifico per cancellare il proprio nome da Google, è fondamentale intervenire subito a difesa della propria reputazione online attraverso società specializzate nella realizzazione e divulgazione di notizie si potranno evitare eventuali ripercussioni sulla propria attività lavorativa.

GDPR e Diritto all’Oblio: eliminare i risultati di ricerca da Google per difendere la tua reputazione online.

L’estrema facilità con cui le persone riescono a reperire informazioni online diventa un rischio estremamente pericoloso nell’eventualità in cui tali informazioni siano negative, soprattutto nel caso in cui riguardino situazioni passate che non sussistano più nel presente.

Per fortuna però anche in questo caso nulla è perduto in quanto ciascun individuo ha la facoltà di esercitare il suo diritto all’Oblio, come definito dal General Data Protection Regulation entrato in vigore nel 2014: esso consiste nel diritto di ogni cittadino a richiedere la cancellazione dei suoi dati personali da Google e dagli altri motori di ricerca, che hanno messo a disposizione un apposito link per inoltrare la richiesta.

Ma come va presentata questa richiesta?

Oltre a munirsi di un regolare documento d’identità necessario per il riconoscimento, l’interessato deve valutare che sussistano le condizioni necessarie: è possibile richiedere di eliminare i risultati di ricerca da Google solo nel caso in cui le relative informazioni non siano di utilità pubblica oppure nel caso in cui siano stati pubblicati dei dati personali da terzi senza alcun consenso da parte dell’interessato (come nel caso del furto di dati personali). 

Se sussiste almeno una di queste condizioni, è possibile presentare la domanda: l’interessato dovrà però prima di tutto individuare tutte le URL contenenti informazioni che si desidera eliminare dai motori di ricerca (ogni risultato corrisponde a un’URL da rimuovere) e allegare tutte le argomentazioni a sostegno della sua pratica. 

È poi consigliabile rivolgersi a un professionista, come un’agenzia digital, per eliminare i risultati attraverso una strategia di Content Creation per far pubblicare nuovo materiale posizionato fra le prime informazioni nella SERP di Google. Very Content propone una strategia di creazione dei contenuti on site (article marketing) e off site (guest posting)

Come eliminare i risultati di ricerca da Google per difendere la reputazione online.

La richiesta di esercitare il diritto alla cancellazione dei propri dati personali coincide spesso nella richiesta specifica di eliminare dei risultati di ricerca da Google, consentendo di deindicizzare alcuni risultati che riportano il proprio nome. Nonostante la richiesta da inoltrare sia la medesima per qualsiasi tipologia di contenuto, vi può essere una differenza in termini di procedura di cancellazione a seconda del contenuto.

Per cancellare i risultati di ricerca da Google, oltre a inoltrare una richiesta di cancellazione al proprietario del sito web che l’ha diffusa, l’unica soluzione possibile è quella di “coprire” i contenuti negativi per mezzo della creazione di contenuti nuovi positivi: contenuti positivi che devono necessariamente essere indicizzati per la stessa keyword di quelli negativi, in modo tale che quando verranno posizionati nella SERP di Google produrranno l’effetto di far “scivolare” i vecchi contenuti nelle posizioni più arretrate. 

Il processo di content creation, indicizzazione dei contenuti e posizionamento SEO è estremamente delicato e, vista l’importanza della posta in palio, è opportuno appoggiarsi all’esperienza e alla professionalità di una digital agency.

Se hai trovato delle informazioni in rete che danneggiano la tua reputazione online e vuoi affidarti a un professionista per delineare una strategia di creazione di contenuti positivi per ristabilire la tua immagine e quella del tuo business, contattaci.

Categorie
digital marketing

Brand agency, di cosa si occupa e come costruire una brand identity?

Come abbiamo già visto in una scorsa puntata del nostro blog, le agenzie di marketing si dividono in due principali categorie: web agency e digital agency. Nel corso degli anni però si è andata sviluppando una terza categoria più specifica e specializzata nel creare una Brand Identity, la Brand Agency. Prima di capire di che cosa si occupa nella pratica una Brand Agency, è necessario avere una definizione condivisa di Brand Identity: con questo termine intendiamo l’insieme degli elementi grafici e comunicativi che stabiliscono la percezione e la reputazione di un brand da parte del proprio pubblico. Una percezione emotiva ed istintiva che un cliente ha di un’azienda o di un prodotto sarà strettamente legata all’immagine che ne riceve.

Di conseguenza una Brand Agency è un’agenzia di marketing che si concentra prevalentemente sul raccontare la storia della marca in modo che sviluppi una sua identità e che i clienti abbiano il suo nome come prima scelta in testa quando si tratta di acquistare il bene/servizio che quell’azienda offre.

Brand Agency, di cosa si occupa?

L’identità di marca, per definizione, è l’insieme di una pluralità di elementi, parimenti importanti per ottenere un buon risultato. Una brand agency si occupa di sviluppare questi elementi per le aziende che ancora non ne hanno colto le potenzialità o di farne un restyling per quelle che ritengono di non essere al passo coi tempi (un po’ come avviene quando si vuole fare il restyling di un sito web). Ma quali sono questi elementi?

Naming

Il processo di naming è quello necessario a dare un nome al tuo brand ed è l’aspetto più importante di tutto il lavoro di branding in quanto il nome è l’informazione che più rimane nella testa del consumatore. Si tratta di un momento fondamentale e perciò deve essere forgiato considerando esattamente quello che si vuole comunicare al cliente senza però dimenticare la storia dell’azienda.

Logo Designing

Una volta scelto il nome bisogna trovare il modo per esprimerlo in termini grafici e anche qui bisogna svolgere un lavoro minuzioso per creare un logo che sia coerente con i valori espressi dall’azienda e che sia iconico e simbolico tanto da diventare estremamente riconoscibile da chiunque.

Payoff (slogan)

Con questo termine s’intende un breve elemento testuale che accompagna il logo e che deve esprimere sinteticamente i valori che promuove l’azienda. Serve a rendere ancora più unica la marca, distinguendola rapidamente dalle altre grazie alla peculiarità delle parole scelte per lo slogan. Per fare un esempio che chiunque possa capire: “Unieuro” è il Brand Name, “Batte. Forte. Sempre” è il suo Payoff.

Mission e Vision

Purtroppo per gli studenti di marketing, Mission e Vision aziendale non sono la stessa cosa. Sono entrambi due concetti fondamentali nella creazione della Brand Identity da parte di una Brand Agency ma possiedono delle differenze sostanziali: la mission è lo scopo immediato dell’azienda, ciò che vuole raggiungere in un breve lasso di tempo, l’elemento di differenziazione dai competitor; la vision invece rappresenta gli obiettivi a lungo termine dell’azienda.

Packaging

Elemento spesso sottovalutato quando si parla di Identità di Marca in quanto spesso non se ne vede il collegamento, in realtà il packaging è fondamentale sia in un processo di generazione che di restyling dell’Identity. Esso, infatti, rappresenta la confezione in cui è racchiuso il prodotto e il primo elemento di contatto con il cliente capace di creare una relazione o un legame con esso.

Attributi

Sono tutti gli elementi, tangibili o meno, che concorrono a creare l’identità in quanto identificano perfettamente le caratteristiche del prodotto che poi dovrebbero riflettersi in quelle aziendali.

Gli attributi materiali sono quelli di cui il cliente può fare esperienza oggettiva e sensoriale, quelli immateriali invece sono la parte soggettiva e interpretabile.

Brand agency e brand content marketing: che collegamento c’è?

Un’altra attività che le agenzia di branding svolgono è quella del branded content marketing che, come abbiamo già visto nel nostro blog, si differenzia dal semplice content marketing. Ma che cosa s’intende con questo termine? Se il content marketing è quell’insieme di tecniche per creare e condividere contenuti fatti di testo e immagini in grado di creare valore intorno ad un marchio o prodotto/servizio, il Branded Content Marketing invece è incentrato sul generare interesse e coinvolgimento in chi lo guarda o in chi naviga sul web. Esso fa maggiormente riferimento alla parte emotiva del consumatore e punta a creare Engagement.

Conclusione: perchè affidarsi ad una brand agency?

In conclusione, se sei proprietario di un qualsiasi tipo di azienda e non ti sei mai trovato a tenere in considerazione questi elementi, forse è per quello che le persone non hanno fissato in testa il nome e il posizionamento della tua marca. Affidati a noi di Very Content, tra le migliori Brand Agency a Milano, e il risultato sarà sorprendente. Contattaci e raccontaci l’idea che sta dietro al tuo Brand, ciò che vuoi raggiungere e ciò che vuoi comunicare: da queste informazioni noi creeremo la tua Brand Identity o ne faremo un restyling se ne possiedi già una!

Get in touch

Se hai bisogno di ulteriori informazioni, contattaci direttamente tramite il form a lato o vieni a trovarci!