fbpx
email marketing automation

Alcune best practice per fare email marketing automation

Inviare una newsletter a tutta la propria lista di contatti può portare qualche risultato, ma il punto chiave è trasformare gli iscritti in clienti. Questo è possibile con l’email marketing automation, individuando un proprio target di riferimento, connettendosi a esso e offrendo una reale risposta a una sua esigenza. Con le mailing list aziendali, infatti, si può avere un grande seguito sulle pagine dei social media. Il 90% delle imprese piccole, medie e grandi non si avvale di una mailing list, il che rappresenta un enorme vantaggio per il restante 10%. L’email marketing automation, infatti, aiuta ad aumentare i lead, le conversioni e la fidelizzazione. L’espressione indica l’insieme di attività che consente a un marchio o a un’azienda di inviare, programmare e gestire le campagne email – che siano promozionali, newsletter o messaggi – attraverso degli automatismi. Questi ultimi sono regole impostate in un software che suggeriscono di fare azioni specifiche (in questo caso, inviare email) quando si verificano determinate condizioni.

L’email automation marketing in tre mosse

La pratica di cui si sta parlando, quella dell’email automation marketing, utilizza i dati relativi a ciascun cliente, orientando così invio e contenuti dell’email in base al comportamento, rilevato in precedenza, del singolo destinatario, ai suoi dati anagrafici, al grado di rapporto con il brand. Oltre ad automatizzare, questa tecnica permette di creare strategie customer oriented che aumentano il livello di personalizzazione di ciascuna email e, di conseguenza, le performance, i risultati. Affinché l’email automation marketing sia efficace occorrono altri strumenti di automazione. Tali software vanno scelti in base a caratteristiche come facilità di utilizzo, integrazione con altri prodotti, personalizzazione, numero di trigger, regole di conformità allo spam, segnalazione. Un altro passaggio chiave è la creazione di una propria mailing list che contenga lead di qualità, con iscritti realmente interessati ai tuoi prodotti o servizi. Ciò che conta, dunque, non è la lunghezza della mailing list, ma il fatto che comprenda utenti attivi. Terzo punto, la segmentazione della propria mailing list. Personalizzarla è importante perché ti consente di raggiungere direttamente il potenziale cliente giusto e con il messaggio giusto.

Marketing automation tools: quali scegliere

L’automazione comporta un incremento pari a circa il 15% nella produttività commerciale e una riduzione del 10-12% delle spese di marketing. L’80% di coloro che utilizzano i processi automatizzati dell’email automation marketing riscontra un aumento nel numero di lead e nel numero di conversioni. Almeno il 60% delle aziende che utilizzano il sistema è in grado di intercettare prospect rilevanti grazie a contenuti automatici. I vantaggi, dunque, sono evidenti. Tuttavia per beneficiarne è importante scegliere con attenzione i giusti marketing automation tool, che non vanno a sostituire il lavoro di un team di marketing, ma lo ottimizzano e lo rendono più efficiente. Una delle principali piattaforme automatizzate potenti e flessibili è Marketo, con diverse funzionalità per l’e-commerce e la fornitura di report dettagliati. HubSpot permette di integrare altri sistemi. Ha un numero di funzionalità minore, ma è più facile da utilizzare. MailChimp consente di creare in modo semplice e immediato campagne di email marketing personalizzate e il loro monitoraggio, ma anche la creazione di landing page e il tracciamento degli annunci social. ActiveCampaign presenta un sistema di CRM integrato grazie al quale è possibile avere una vista unica sulle informazioni di tutti i clienti. Quali sono i criteri di cui tenere conto in fase di scelta? Occorre verificare che il tool scelto offra la possibilità di impostare automazioni per l’invio delle email in momenti specifici. La piattaforma deve consentire la personalizzazione, segmentando i clienti sulla base di determinate caratteristiche. I sistemi che consentono di assegnare punteggi ai clienti sulla base della loro interazione con l’e-commerce permettono di declinare le email inviate su misura dell’utente. È importante anche l’aspetto dell’analytics: l’analisi dei risultati delle tue campagne email, attraverso report aggiornati e dettagliati, è fondamentale per verificare se si stanno raggiungendo gli obiettivi prefissati. Per sviluppare o rafforzare l’email marketing automation e per altri progetti rivolgiti alla digital e content agency di Milano Very Content. Contattala qui.