Categorie
social media

Canzoni per storie e reel instagram

Al giorno d’oggi, i Social Media si sono radicati profondamente nelle abitudini che compongono la nostra vita quotidiana: circa 500 milioni di utenti sono attivi ogni giorno su questa piattaforma pubblicando post, stories, reel o semplicemente curiosando tra i contenuti dei propri follow. Se nel condividere i nostri post siamo ormai dei veri esperti, spesso non siamo invece a conoscenza di tutti i segreti per ottimizzare i nostri video dal momento che alcuni formati, come ad esempio i reel e le stories, sono stati introdotti solo recentemente. 

Affinché un video riscuota il successo desiderato, la musica e le canzoni scelte come abbinamento giocano un ruolo fondamentale: ecco perché per ricevere tanti likes e visualizzazioni è importante scegliere le giuste canzoni per i reel e le stories che pubblichiamo su Instagram. All’interno di questo articolo parleremo di:

I nuovi trend su instagram: musica adatta per instagram stories e reel.

Come abbiamo già anticipato, negli ultimi anni Instagram ha introdotto nei nuovi formati per pubblicare contenuti sulla piattaforma: qualche anno fa è stata la volta delle instagram stories, più recentemente degli instagram reel. L’introduzione di questi due nuovi formati ha dato agli utenti, e di conseguenza alle aziende, la possibilità di raggiungere una copertura sempre più ampia massimizzando la propria reach su Instagram. Per raggiungere tante visualizzazioni, però, è cruciale ottimizzare i propri contenuti e, come abbiamo visto, scegliere la canzone del momento o canzoni che vanno di moda è fondamentale per migliorare la qualità dei reel e delle stories su Instagram. 

L’utilizzo della giusta musica nelle instagram stories e nei reel ha permesso che alcuni video diventassero virali sul web oltre ogni aspettativa iniziale, superando di gran lunga la portata mediatica attesa: in particolare la scelta di alcune canzoni ha fatto in modo che migliaia di persone non riuscissero a smettere di canticchiare dei frammenti di specifiche canzoni, a cui associavano istintivamente le immagini dei video correlati impresse ormai nella loro memoria. Video e musica infatti compongono un mix esplosivo per creare un contenuto d’impatto e soprattutto immediato, che attiri istantaneamente l’attenzione dell’utente impedendogli di scorrere al contenuto successivo. 

Dopo tutte queste rivelazioni, probabilmente stai pensando che la pubblicazione di reel e stories su instagram potrebbe integrarsi alla perfezione con le tue strategie di digital marketing: se è così, ti consigliamo di visitare il nostro sito e di contattarci per creare insieme la strategia di social media marketing più adatta per massimizzare le performance del tuo business.

Ma torniamo al nocciolo della questione: quali sono le migliori canzoni italiane per rendere virali instagram stories e reel?

Canzoni per storie e reel instagram

Top 5 Canzoni Italiane Popolari nei Reel Instagram del 2024

Ecco un elenco puntato delle canzoni italiane che hanno riscosso grande successo sui Reel di Instagram nel 2024:

  1. Ultimo: Questo artista è noto per la sua musica coinvolgente e viene spesso scelto per accompagnare i Reel su Instagram.
  2. Laura Pausini: Le sue canzoni, ricche di emozioni, sono una scelta popolare tra gli utenti di Instagram per aggiungere un tocco emotivo ai loro video.
  3. J-AX: Con il suo stile unico, J-AX offre tracce che si adattano perfettamente all’atmosfera dei Reel, specialmente quelli con un tocco più dinamico.
  4. Sfera Ebbasta e Elodie – “Anche stasera”: Questo brano, che unisce due artisti molto amati, è risultato particolarmente popolare per i Reel su Instagram.
  5. Annalisa – “Euforia”: La sua canzone “Euforia” è stata particolarmente virale, spesso utilizzata per creare contenuti accattivanti sui Reel.

 

Altre canzoni virali nel 2024 per instagram storie e reel. 

Grazie all’introduzione dei formati stories e reel per pubblicare i propri video su Instagram, con annessa la possibilità di accompagnarli con un frammento delle nostre canzoni preferite, molti brani anche sconosciuti hanno avuto l’inattesa possibilità di raggiungere milioni di visualizzazioni. Ma non solo: anche canzoni che hanno goduto di un breve periodo di intensa notorietà ma che poi sono velocemente scivolate nel dimenticatoio, hanno avuto la possibilità di tornare in auge grazie all’introduzione di questi nuovi formati. Quest’ultimo è il caso di “Take me to church”, cantato da Hozier, che aveva conosciuto il suo momento di massimo splendore nel 2014 e che oggi grazie a Instagram e agli altri social media ha avuto l’occasione di tornare alla ribalta sotto forma di due diversi remix. 

Un esempio illustre di un cantante sconosciuto la cui notorietà è stata catalizzata da questo fenomeno social è costituito dall’artista nigeriano CKay, grazie alla sua canzone “Love Nwantiti”: in seguito allo sviluppo di TikTok e all’introduzione dei reel da parte di instagram, questo cantante è passato rapidamente da essere sconosciuto al di fuori del suo paese di origine a registrare milioni di ascolti su tutte le piattaforme di streaming. 

Altre canzoni di cantanti e gruppi parzialmente sconosciuti poi divenute virali grazie a Instagram sono “Swing Lynn (Harmless)” dei Twin Cabins, “Oh No” di Capone, utilizzata spesso e volentieri per accompagnare video di incidenti imprevisti e dalla spiccata comicità con la parte finale del brano che recita “Oh no no no no no”, e “Monkeys spinning Monkeys”, caratterizzata da una melodia allegra e “soft” che la rende perfetta per i video buffi di animali e neonati.

Top 5 Canzoni Italiane Popolari nei Reel Instagram del 2024

Ecco un elenco puntato delle canzoni italiane che hanno riscosso grande successo sui Reel di Instagram nel 2024:

  1. Ultimo: Questo artista è noto per la sua musica coinvolgente e viene spesso scelto per accompagnare i Reel su Instagram.
  2. Laura Pausini: Le sue canzoni, ricche di emozioni, sono una scelta popolare tra gli utenti di Instagram per aggiungere un tocco emotivo ai loro video.
  3. J-AX: Con il suo stile unico, J-AX offre tracce che si adattano perfettamente all’atmosfera dei Reel, specialmente quelli con un tocco più dinamico.
  4. Sfera Ebbasta e Elodie – “Anche stasera”: Questo brano, che unisce due artisti molto amati, è risultato particolarmente popolare per i Reel su Instagram.
  5. Annalisa – “Euforia”: La sua canzone “Euforia” è stata particolarmente virale, spesso utilizzata per creare contenuti accattivanti sui Reel.

Le migliori canzoni per le storie instagram con il testo più romantico

Scegliere la canzone giusta con un testo romantico per le storie di Instagram può aggiungere un tocco speciale e personale ai tuoi contenuti. Ecco i brani che sono noti per il loro lirismo e la loro capacità di evocare emozioni.

Ad esempio, canzoni come “Euforia” di Annalisa o “I got it” di Anna sono state menzionate come popolari su Instagram, particolarmente per la loro risonanza emotiva e i ritornelli accattivanti. Altri artisti internazionali come Ariana Grande, Dua Lipa e Teddy Swims con brani come “Yes, and?”, “Houdini”, e “Lose Control” sono anche tra le scelte popolari per le storie di Instagram.

Le migliori canzoni per le storie instagram con il testo più romantico

Scegliere la canzone giusta con un testo romantico per le storie di Instagram può aggiungere un tocco speciale e personale ai tuoi contenuti. Ecco i brani che sono noti per il loro lirismo e la loro capacità di evocare emozioni.

Stai pensando di ottimizzare la tua strategia di Social Media Marketing integrando nel tuo piano editoriale anche la pubblicazione di reel e stories su instagram? Se vuoi affidarti a un professionista per massimizzare l’efficacia della tua strategia social e in generale delle tue strategie digitali, affidati a Very Content: visita il nostro sito e contattaci

Categorie
social media

Instagram vs Only Fans: arrivano gli abbonamenti a pagamento per gli Instagram creators.

Pagare un abbonamento per avere un accesso riservato a contenuti esclusivi: è questa la nuova strategia messa in atto su Instagram da Meta Platforms, sulle orme del modello già adottato da Only Fans. L’introduzione degli abbonamenti a pagamento per poter visualizzare su Instagram i contenuti specifici pubblicati dai creators prevede che gli utenti non possano più accedere gratuitamente a tutti i post pubblicati sul celebre social network, ma solamente tramite subscriptions a pagamento. Gli Instagram creators avranno quindi la possibilità di diversificare le proprie pubblicazioni, prevedendo magari dei contenuti base per attirare sempre più utenti all’interno della loro fanbase e dei veri e propri pacchetti premium per i fan già fidelizzati.

Inizialmente, verso la fine di gennaio, la funzionalità subscriptions era stata lanciata come test solamente negli Stati Uniti, coinvolgendo dieci Instagram creators: è notizia delle ultime ore il suo arrivo anche in Italia. Se hai sentito anche tu dell’introduzione da parte degli abbonamenti a pagamento su Instagram e vuoi raccogliere maggiori informazioni, questo articolo potrebbe risultare molto interessante. Al suo interno troverai i seguenti argomenti:

Instagram vs Only Fans: un modello di business collaudato per gli Instagram creators. 

Sappiamo quello che stai pensando: “Ma questo modello degli abbonamenti a pagamento per i contenuti premium l’ho già visto!”. Ma dove?

Come recita una celebre frase di Steve Jobs durante il documentario “Triumph of the Nerds”, 1996, riprendendo una presunta citazione di Pablo Picasso, è largamente risaputo che “I bravi artisti copiano, i grandi artisti rubano”. Così come Picasso e Steve Jobs, anche Mark Zuckerberg ha sicuramente la genialità dalla sua parte e come genio indiscusso anche lui ha evidentemente capito che quando un’idea è vincente, la cosa migliore da fare è farla proprie e integrarla nel proprio modello.

Il fondatore di Facebook ha sicuramente deciso di sfruttare su Instagram la strategia di Only Fans, famosissimo sito web di intrattenimento per adulti la cui chiave per il successo è stata proprio quella di premettere ai creators di vendere ai fan i propri contenuti, sottoscrivendo un abbonamento mensile a pagamento. C’è da precisare però che Only Fans, al contrario dei social network di Zuckerberg, non prevede alcuna politica di restrizione sui contenuti permettendo addirittura la pubblicazione di foto e video di nudo in cambio di denaro. Instagram e Facebook si sono sempre contraddistinti invece per una politica ferrea nel mantenere il pudore all’interno delle proprie community, provvedendo tempestivamente a rimuovere contenuti espliciti per consentire anche ai minori di navigare in sicurezza. 

Abbonamenti instagram

Abbonamenti a pagamento per seguire gli Instagram creators: come funzionano? 

Il modello che Mark Zuckerberg ha deciso di introdurre su Instagram è molto simile a quello utilizzato da Only Fans: la sua strategia è quella di dare la possibilità agli Instagram creators di guadagnare grazie alle proprie idee e a ciò che li rende distintivi.  Il risultato atteso è quello di incrementare esponenzialmente il fatturato di Meta, puntando su innovazione e servizi utili per gli utenti. Questi ultimi avranno quindi la possibilità di “sbloccare” veri e propri pacchetti premium abbonandosi a tutti i “canali” degli Instagram creators a cui sono interessati, che dal canto loro avranno a disposizione un modello di monetizzazione estremamente più comodo e che valorizzerà maggiormente il loro lavoro. 

Per abbonarsi alle pubblicazioni premium di un creator specifico, sarà sufficiente per gli utenti recarsi sullo specifico profilo e cliccare la voce “Abbonati”, pagando il prezzo corrispondente al costo dell’abbonamento. Abbonamento che garantirà agli iscritti la possibilità di visualizzare in esclusiva le dirette, visibili ora solo agli abbonati per consentire agli Instagram creators di interagire con più calma con la propria community. Gli utenti abbonati ai pacchetti premium potranno visualizzare riconoscere le storie e le dirette a pagamento perché contrassegnate da una cornice viola. Sarà altresì possibile per gli Instagram creators riconoscere gli abbonati premium tra i loro follower grazie alla presenza dei cosiddetti “badge abbonamento”, consistenti in un simbolo viola accanto all’username. 

Abbonamenti instagram

Abbonamenti a pagamento per gli Instagram creators: quanto costano? 

Questa novità introdotta da Instagram rivoluzionerà non poco le abitudini social degli oltre 500 milioni di utenti giornalieri attivi sulla piattaforma, che per visualizzare tutti i contenuti di proprio interesse dovranno decidere su quale creator investire. Quanto può costare l’abbonamento per accedere ai contenuti premium degli Instagram creators?

Purtroppo non esiste una risposta univoca a questa domanda in quanto il prezzo dell’abbonamento può essere scelto liberamente da ciascun creator. Quello che è certo è che il prezzo dovrà essere compreso all’interno di un range specifico, compreso tra 1$ e 100$ al mese

Abbonamenti instagram

La questione che si pone in questo contesto è come gli abbonamenti Instagram a pagamento si inseriranno nell’ecosistema della piattaforma, se riusciranno a coesistere a lungo termine con le attuali dinamiche dell’influencer marketing, se e come le modificheranno o se addirittura le sostituiranno generandone di nuove: solo il tempo e l’elaborazione dei dati potranno rispondere a questi interrogativi. L’unica certezza al momento è che la monetizzazione del social network non passa più solo dalle campagne pubblicitarie, ma anche dagli abbonamenti Instagram.

Sei un creator e vuoi una consulenza per la realizzazione di contenuti a pagamento? Contattaci per una consulenza! 

Categorie
digital marketing

Competitive intelligence: come effettuare un’analisi dei competitor online per costruire una strategia di marketing vincente.

La razionalizzazione dei processi e la digitalizzazione della vita sociale hanno portato negli ultimi 20 anni a una situazione di saturazione del mercato trasversale a moltissimi settori. Con l’avvento di internet è diventato infatti estremamente facile e veloce per un individuo avviare la propria attività online, anche senza il bisogno di avere un’idea di business particolarmente innovativa. Il numero sempre maggiore di aziende entrate a competere nei mercati tradizionali e il numero ancora superiore di imprese che hanno sfruttato l’apertura di mercati innovativi, però, ha portato ad una crescente frammentazione in quasi tutti i settori: un dato tutt’altro che positivo per la crescita dell’economia nazionale se si pensa che maggiore è il numero di aziende presenti in un mercato, minore è la quota che ciascuna di essere può aspirare ad accaparrarsi. E quando un mercato è saturo, l’unico modo che hanno le aziende che ne fanno parte per continuare a crescere (e quindi per sopravvivere) è quello di erodere quote di mercato ai concorrenti

Ma come si fa a “rubare” quote di mercato ai propri competitor?

Per rispondere a questa domanda non esiste una risposta universalmente esatta, ma il miglior modo per iniziare consiste nell’effettuare un’approfondita analisi dei competitor online per costruire una strategia di marketing vincente. La differenziazione è un elemento fondamentale per qualsiasi impresa si trovi a competere in un mercato frammentato, poiché è costretta a competere con numerosi brand che offrono prodotti simili per soddisfare lo stesso bisogno degli stessi consumatori. Capiamo bene dunque che differenziarsi sul mercato diventa uno dei fattori critici di successo per indurre i consumatori a scegliere il prodotto di una determinata azienda a discapito delle altre.

Se possiedi un’attività e ti trovi a competere in un mercato frammentato in cui sono presenti molte aziende che offrono prodotti molto simili ai tuoi e vorresti identificare i tuoi punti di forza per differenziarti dai tuoi competitor, questo articolo ti sarà molto utile. Al suo interno potrai trovare i seguenti argomenti: 

Competitive intelligence: come effettuare un’analisi dei competitor online.

Come abbiamo visto, differenziarsi sul mercato è una strategia fondamentale adottata dalle aziende per far percepire il proprio prodotto come differente rispetto a quelli dei competitor, con l’obiettivo di farlo preferire e dunque acquistare ai propri consumatori.

Prima di entrare nel vivo della questione e approfondire le modalità attraverso cui effettuare un’analisi dei competitor online, è importante che tu sappia che nel marketing esistono due principali tipologie di differenziazione: la prima si basa sulle caratteristiche del prodotto e richiede il possesso di una tecnologia distintiva, la seconda si basa sull’immagine del prodotto e mira a differenziarsi sul mercato valorizzando la riconoscibilità e l’immagine della Marca. Poiché un mercato frammentato è caratterizzato per definizione da aziende che adottano una medesima tecnologia per realizzare prodotti con caratteristiche fisiche simili, in questo articolo ci concentreremo sulla seconda tipologia.

Come si fa un’analisi dei competitor online per differenziarsi sul mercato?

Il primo passo per differenziarsi sul mercato, come abbiamo anticipato, consiste nell’effettuare un’analisi dei competitor online per delineare con precisione le loro value proposition: qual è il valore distintivo che ciascuno di loro offre sul mercato? 

Per rispondere a questa domanda è necessario armarsi di forza di volontà e per prima cosa effettuare una ricerca di mercato approfondita per identificare tutti i propri competitor diretti: il secondo passo consiste poi nel passare in rassegna tutti i loro canali di distribuzione e di comunicazione per risalire ai valori e alle associazioni presidiati da ogni brand concorrente, con l’obiettivo di costruire un’identità di marca unica.

Per arrivare ad avere un quadro completo dello scenario competitivo, un modello estremamente utile da utilizzare al fine di realizzare un’accurata analisi dei competitor online prende il nome di SWAT Analysis. La SWAT Analysis è un modello che porta un’azienda a costruire una strategia di marketing incentrata sulla valorizzazione dei propri punti di forza rispetto ai competitor e sulla minimizzazione dei propri punti di debolezza. Elemento fondamentale di questa strategia è la consapevolezza di opportunità e minacce presenti sul mercato, emerse alla luce dell’analisi dei punti di forza e di debolezza dei competitor.

La chiave per una strategia di differenziazione vincente, dopo un’accurata analisi dei competitor online, passa necessariamente dal concetto di competitive intelligence: la capacità di tradurre il monitoraggio delle attività dei concorrenti in dati utili per prendere decisioni strategiche

Competitive intelligence: utilizzare un data-driven approach per costruire una strategia di marketing vincente.

Per competitive intelligence si intende quella disciplina che si basa su attività quali raccolta e analisi di open data volte a identificare informazioni strategiche determinanti ai fini dell’individuazione delle opportunità offerte da un mercato, prima che esse vengano identificate dagli altri player. Parallelamente, un data-driven approach consente di affidarsi alla previsione statistica per delineare le possibili minacce che potrebbero manifestarsi, mettendo l’azienda nelle giuste condizioni per fare in modo di evitarle. La competitive intelligence ha la caratteristica di concentrarsi sull’ambiente esterno all’azienda piuttosto che su quello interno, ponendo il focus su una raccolta di open data finalizzata all’elaborazione di informazioni “intelligenti” da utilizzare per orientare le decisioni strategiche. Ma cosa differenzia, allora, la competitive intelligence dallo spionaggio industriale? La risposta in questo caso appare quasi scontata, dal momento che tutti i dati di cui si serve la business intelligence sono open data: dati pubblici, reperibili online e offline da qualsiasi soggetto. 

Competitive intelligence tool: come costruire una strategia di marketing data-driven. 

Qualsiasi azienda che decida di adottare un data-driven approach può usufruire di apposite piattaforme di business intelligence per ricavare informazioni strategiche dall’analisi dei dati dei propri concorrenti. Le piattaforme di business intelligence consentono alle aziende di analizzare i dati, sia relativi alla propria organizzazione che a quelle dei competitor, ai fini di elaborarli e tradurli in visualizzazioni: grafici di varia natura che mostrano l’andamento dei dati nel tempo e ne prevedono l’evoluzione ai fini di identificare le opportunità di sviluppo strategico offerte dal mercato.  

I vantaggi offerti dall’utilizzo delle piattaforme di business intelligence non coincidono solo con la previsione di vendite e profitti, ma riguardano innumerevoli altri aspetti: dall’analisi delle prestazioni di un sito web in termini di traffico e di keyword per cui è posizionato nella SERP di Google, all’analisi delle campagne di marketing (con elaborazioni automatica di report) fino alla visualizzazione in tempo reale dei grafici relativi all’andamento di ciascun dato.

La competitive intelligence è una pratica estremamente efficace ma tutt’altro che semplice, ma se non hai una formazione specifica in materia non preoccuparti: puoi rivolgerti a una Digital Agency che, dopo aver preso coscienza dei tuoi obiettivi di business e di marketing, provvederà a effettuare per te un’analisi approfondita dei tuoi dati e di quelli dei tuoi concorrenti per fornirti direttamente le migliori scelte strategiche che ti offre il mercato.

Competitive intelligence tool: le migliori piattaforme per fare business intelligence. 

Adesso che hai capito l’importanza dell’analisi dei competitor online per definire una strategia di marketing data-driven, ti starai sicuramente chiedendo: “Quali sono le piattaforme migliori per fare business intelligence?”.  

Tra le migliori piattaforme di business intelligence, emergono Semrush, SEOZoom e Similarweb.

Semrush.

Semrush è uno dei servizi più importanti a livello mondiale per effettuare un’analisi dei competitor online completa e approfondita, comprendendo tutte le aree del digital marketing. Consiste in una piattaforma online che mette a disposizione delle aziende una moltitudine di strumenti per analizzare e visualizzare dati al fine di migliorare la propria visibilità online: attraverso Semrush è infatti possibile analizzare il profilo backlink di qualsiasi dominio, monitorando quotidianamente la posizione nella SERP, le keyword per cui è posizionato ed esplorando quelle per cui potrebbe posizionarsi. Semrush è un competitive intelligence tool che offre l’opportunità alle aziende di analizzare le strategie e le tattiche dei propri competitor da tutte le angolazioni: dalle fonti di traffico al sito web, passando per la loro presenza sui media fino a risalire al loro pay-per-click.

Analisi competitor online

SEOZoom.

SEOZoom è un’altra valida alternativa per le aziende alla ricerca di una piattaforma di business intelligence: è una suite completa che permette di monitorare, analizzare e confrontare le prestazioni del proprio sito web con quelli dei competitor, fornendo automaticamente delle strategie per migliorare la propria posizione competitiva. Attraverso l’elaborazione dei dati e la loro visualizzazione in grafici facilmente consultabili, consente alle aziende di anticipare i trend per migliorare le proprie performance minimizzando eventuali punti di debolezza. Anche SEOZoom, alla pari di Semrush, offre la possibilità di analizzare il profilo backlink di qualsiasi dominio per fornire report automatici e metriche intuitive, con l’obiettivo di ottimizzare il proprio posizionamento sui motori di ricerca.

Analisi competitor online

Similarweb.

Un’altra piattaforma di business intelligence molto diffusa è Similarweb, che consente alle aziende di effettuare una completa e approfondita analisi dei competitor online: dall’analisi del sito web e del relativo benchmarking, all’analisi SEO fino all’analisi dell’audience e alla ricostruzione del suo customer journey monitorandone il percorso di acquisto online. Grazie alla visualizzazione completa e intelligente dei dati relativi al traffico digitale, Similarweb offre alle aziende il supporto di dati dettagliati sul mercato e insight intuitivi per indirizzare le proprie decisioni strategiche.

Analisi competitor online

Nella società postmoderna, per un’azienda che voglia essere competitiva e avere successo è imprescindibile sviluppare un approccio strategico supportato dall’analisi dei dati. Se stai cercando il giusto partener strategico a cui affidare l’analisi dei tuoi competitor online per individuare le migliori strategie di marketing per il tuo business, affidati a Very Content: visita il nostro sito e contattaci!

Categorie
Siti web

Live chat support: come scegliere la migliore chat per siti web

Al giorno d’oggi le imprese di tutte le dimensioni hanno l’esigenza di essere presenti online per soddisfare al meglio i propri consumatori. Se stai pensando di realizzare un sito e-commerce per vendere online i tuoi prodotti, ci sono molte decisioni strategiche importanti da prendere. Innanzitutto, dovrai delineare la tua strategia: se cerchi qualche consiglio per massimizzare le tue performance di marketing, potrebbe interessarti dare un’occhiata al nostro articolo su come gestire con successo un sito e-commerce. In secondo luogo, dovrai preoccuparti di rendere il percorso di navigazione più confortevole possibile per i tuoi utenti, in modo tale da ottenere più conversioni d’acquisto: a tale fine, è fondamentale scegliere il giusto sistema di pagamento e garantire ai tuoi clienti un’assistenza continua attraverso l’implementazione di una chat per siti web

Se condividi l’importanza di garantire un servizio di live chat support sempre a disposizione dei tuoi utenti e stai cercando informazioni per scegliere la giusta chat per siti web da integrare nel tuo e-commerce, questo articolo potrebbe rivelarsi molto utile. Al suo interno troverai i seguenti argomenti:

I software di live chat costituiscono una soluzione efficace ed economica per fornire supporto ai propri clienti durante l’intera fase di acquisto, consentendo all’azienda di risolvere gli eventuali problemi riscontrati dagli utenti per garantire loro un’esperienza d’acquisto agevole. La presenza di una live chat all’interno di un sito web, infatti, è l’elemento che genera il più alto livello di soddisfazione per il cliente durante la navigazione o un acquisto, con una valutazione positiva nel 73% dei casi. Inoltre, integrare una chat nel tuo sito non è utile solo per gli utenti che visitano il tuo sito e hanno delle domande, ma anche per te che ci lavori dietro: la maggior parte delle chat per siti web sono integrate con strumenti di monitoraggio real-time e forniscono informazioni, per esempio, su quante volte l’utente è entrato nel sito, sulla specifica pagina che sta visualizzando e su quali prodotti abbia aggiunto al suo carrello.

Installare un software di live chat support al tuo sito può rivelarsi quindi estremamente efficace per aiutare i tuoi clienti a scegliere il prodotto giusto e completare l’acquisto, ma quali sono le variabili driver da considerare per scegliere la migliore live chat per siti web?

Live chat support: le funzionalità più importanti di una chat per siti web. 

Innanzitutto, la presenza di un servizio di live chat support all’interno di un e-commerce viene percepita dall’utente come se ci fosse una persona umana al di là dello schermo: variabile, questa, fondamentale per aumentare la credibilità del brand. Ecco perché è importante avviare una conversazione in modo proattivo nei diversi touchpoints del percorso d’acquisto dell’utente. Rispondere in modo tempestivo alle sue richieste, o addirittura anticiparle attraverso l’invio di un messaggio al momento giusto, può risultare decisivo per velocizzare il suo processo decisionale e indurlo alla conversione, minimizzando il tasso di abbandono del carrello: per farlo, una soluzione può essere quella di utilizzare delle risposte predefinite e ricorrere alla funzione di anteprima per consentire un intervento diretto più rapido in caso di necessità, oltre ad attivare notifiche audio e visive affinché nessun cliente rimanga in attesa. Inoltre, rispondere tempestivamente è spesso decisivo per la gestione ottimale di eventuali reclami: quando un cliente invia un reclamo non è sicuramente di buon umore e fornirgli un feedback immediato può rappresentare la soluzione migliore per minimizzare la sua insoddisfazione. Può risultare determinante in ottica strategica scegliere una chat per siti web che consenta l’invio di file (come cataloghi, contenuti promozionali, sondaggi e moduli per la generazione di lead), nonché la possibilità di trasferimento della chat tra membri diversi dello stesso team. Inoltre, una buona live chat per siti web offre la possibilità di etichettare con dei tags le diverse conversazioni al fine di categorizzarle e predisporre l’automatizzazione delle risposte alle domande più frequenti.

Ma come si fa ad individuare il giusto momento in cui inviare un messaggio ad un cliente per agevolare il suo processo d’acquisto? La soluzione decisiva consiste nell’automatizzazione della chat attraverso l’utilizzo di un chatbot per e-commerce.

Chatbot per e-commerce: a cosa serve l’automatizzazione di una chat per un sito aziendale?

Un chatbot per e-commerce può essere definito come un software che simula le conversazioni consentendo agli utenti di interagire con un dispositivo digitale come se stessero comunicando con una persona in carne e ossa: guidati da specifici algoritmi, regole automatizzate e machine learning, svolgono un ruolo di veri e propri assistenti digitali che elaborano dati relativi alle azioni degli utenti per fornire informazioni e risposte personalizzate in seguito all’attivazione di input specifici. 

Esistono due tipologie principali di chatbot per e-commerce: i chatbot dichiarativi e i chatbot predittivi. I chatbot dichiarativi sono quelli più semplici e più utilizzati, in grado di gestire domande frequenti generando risposte automatizzate alle richieste degli utenti. I più sofisticati sono noti invece come chatbot predittivi e hanno la peculiarità di applicare l’analisi dei dati, la comprensione della lingua naturale e l’intelligenza predittiva per personalizzare la risposta in base al profilo degli utenti e al comportamento di utenti precedenti in situazioni analoghe: possono apprendere nel tempo le preferenze di ciascun utente, fornire raccomandazioni e persino anticiparne le esigenze.

Chat per siti web: cosa sono i trigger predittivi utilizzati dai chatbot per e-commerce?

I trigger predittivi strumenti di marketing estremamente personalizzabili che consistono in azioni (come la comparsa di un pop-up o di un box per la messaggistica) automatiche che si attivano in tempo reale al verificarsi di determinati input innescati da parte dell’utente. Monitorando l’attività dell’utente in tempo reale, consentono di fornirgli le informazioni di cui ha bisogno per procedere agevolmente nel suo processo d’acquisto: per esempio, se un utente ha visionato un elevato numero di prodotti ma non ne ha inserito nessuno nel carrello perché probabilmente ne sta valutando i prezzi, inviargli un messaggio con informazioni aggiuntive sui prodotti che ha visionato può agevolare il suo processo decisionale. L’utilizzo dei trigger può rivelarsi utile anche in ottica di up-selling e cross-selling: se l’utente in questione ha aggiunto al carrello un determinato prodotto, inviandogli un messaggio con informazioni specifiche relative all’upgrade del prodotto selezionato o ad un prodotto complementare può produrre l’effetto di aumentare il valore complessivo della conversione.

Live Chat per siti web

Live chat support: le migliori live chat per siti web. 

Dopo aver compreso le caratteristiche fondamentali che deve avere una chat per siti web per apportare una reale utilità dal punto di vista strategico nella gestione della relazione con i clienti, è arrivato il momento di passare in rassegna i software migliori sul mercato.

LiveChat Inc. adatta come chat per eCommerce

Il primo software di live chat da menzionare è sicuramente LiveChat, una della chat per siti web più ricche di funzionalità che utilizza la personalizzazione per indirizzare le conversazioni con gli utenti all’attivazione di una conversione. Questo software ricorre all’utilizzo di tags per filtrare i diversi contesti di “intervento” e ottimizzare il processo di analisi dei dati, consentendo al contempo la condivisione di file ed archivi. Live Chat è un’ottima soluzione per tutte le aziende che hanno già acquisito una fanbase consistente, in quanto presenta un ottimo sistema di ticketing per andare a ritroso e risalire agli specifici pain points per ciascun cliente. 

Chat per e-commerce

 

La live chat di HubSpot

Un altro servizio ottimale di live chat support da integrare all’interno del tuo sito web è HubSpot, software di live chat che consente di impostare messaggi specifici predefiniti per diversi segmenti del tuo target. È possibile altresì installare un chatbot per e-commerce con l’obiettivo di personalizzare ad hoc le risposte a determinati input, in modo da massimizzare le conversioni su larga scala: questa funzionalità permette di ottenere informazioni circa il profilo dell’utente con cui si sta chattando e le pagine da esso visualizzate, contribuendo a rendere eccellente la sua esperienza d’acquisto. HubSpot consente inoltre di inviare e-mail, effettuare chiamate, programmare attività di follow-up e aprire ticket di assistenza, garantendo un controllo del customer relationship management a 360°. Questo servizio di live chat support è presente sia in versione base gratuita (ottimale per start-up e PMI) che in versione pro a pagamento: la variabile discriminante tra le due alternative è, ovviamente, il machine learning e il conseguente grado di personalizzazione dell’assistenza. 

Live Chat Hubspot

 

WhatsApp Business come Chat per siti web

Analoga è la natura del servizio offerto da WhatsApp, celebre applicazione che miliardi di persone utilizzano ogni giorno per scambiarsi messaggi gratuitamente. WhatsApp Business è la versione Pro per aziende, che consente di vendere i propri prodotti grazie alla comunicazione in tempo reale con i clienti. È possibile creare un vero e proprio catalogo dei propri prodotti e di collegare l’account al proprio e-commerce, etichettando le conversazioni con i clienti in diverse categorie e predisponendo l’invio di messaggi automatici. WhatsApp Business è un servizio di live chat support completamente gratuito pensato per le aziende di tutte le dimensioni che può risultare particolarmente utile a start-up e PMI, orientate spesso all’ottimizzazione dei costi.

WhatsApp Business come chat per siti web

 

TAWK.to.

Un’altra soluzione gratuita per chi è alla ricerca di una chat per siti web che consenta di gestire efficacemente la relazione con i clienti è costituita da Tawk.to: software di live chat dalla semplice configurazione, consente di identificare le domande più frequenti e di monitorare l’attività online dei propri clienti per anticipare le loro richieste fornendo le giuste informazioni al momento opportuno. Anche questo provider offre la possibilità di categorizzare le conversazioni con i clienti attraverso l’applicazione di utilissimi tags, nonché di condividere le chat tra membri diversi del team. Tawk.to è un software utilizzato da oltre 5 milioni di persone ed è la soluzione ideale per start-up e PMI.

Chat per siti web TAWK.to

Meta Messenger.

Una soluzione analoga a quella offerta da WhatsApp è rappresentata, infine, da Meta for Business che consente di installare un plug-in sulla chat di Facebook e dotare il proprio e-commerce di un servizio di live chat support semplicemente collegando l’app di Messenger al proprio sito web. Anche questa live chat per siti web presenta il vantaggio di essere completamente gratuita, abilitando le aziende a fornire assistenza personalizzata e in tempo reale alla propria customer base: fornendo consigli e risposte rapide alle domande più frequenti, massimizza la soddisfazione dei clienti permettendo di proseguire la conversazione anche dopo la loro uscita dal sito web.

Chat per siti web

Live chat support: quanto costa l’integrazione di una chat per siti web?

Il costo per l’integrazione di una live chat per siti web nel tuo e-commerce dipenderà dal pacchetto di servizi che deciderai di richiedere e dalle eventuali fee previste dal provider del servizio di live chat support che sceglierai per il tuo sito. Affidarti a una Digital Agency è una scelta che potrebbe massimizzare i tuoi risultati a fronte di un’ottimizzazione delle risorse. Affidandoti a Very Content, potrai decidere di acquistare un pacchetto di assistenza completo su misura per le tue esigenze:

  Costo Orario TOT
PAM 5 – Pacchetto assistenza da 5 ore 35 € 175 € + iva
PAM 10 – Pacchetto assistenza da 10 ore 32 € 320 € + iva
PAM 15 – Pacchetto assistenza da 15 ore 29 € 435 € + iva

Se invece hai bisogno di un servizio di consulenza con integrazione, il costo complessivo viene calcolato in base alle tue esigenze a partire da €200.

Ponderare tutte le variabili che abbiamo esaminato in questo articolo per scegliere la migliore live chat per siti web non è affatto un procedimento semplice. Se stai pensando di rivolgerti ad un professionista per avviare un e-commerce o per dotare il tuo sito web di un efficace servizio di live chat support, rivolgerti a una Digital Agency è l’opzione migliore: affidati a Very Content, Digital Agency di Milano, per essere sicuro di scegliere la soluzione più in novativa e che meglio si adatta alla tua specifica attività e al tuo specifico settore. Visita il nostro sito e contattaci!

Get in touch

Se hai bisogno di ulteriori informazioni, contattaci direttamente tramite il form a lato o vieni a trovarci!